Visto per Trasporto

Consente l’ingresso, ai fini di un soggiorno di breve durata, allo straniero che intenda recarsi in Italia per brevi periodi per svolgere attività professionale connessa con il trasporto di merci o persone, sia per via terrestre che per via aerea, diversi da quelli di linea il cui status è regolato dalla convenzione di Chicago del 1944. I requisiti e le condizioni previsti per l’ottenimento del visto sono costituiti dalla documentazione attestante la condizione professionale del richiedente e inerente l’attività da svolgere. In ogni caso, il cittadino deve anche dimostrare:

  1. Adeguati mezzi finanziari di sostentamento (direttiva ministro dell’interno 1 marzo 2000);
  2. Disponibilità di un alloggio, mediante prenotazione alberghiera o dichiarazione di ospitalità, prestata da cittadino dell’U.E., o straniero regolarmente residente in Italia;
  3. Assicurazione sanitaria, adeguata e valida, individuale o di gruppo, che copra le spese che dovessero eventualmente rendersi necessarie per il rimpatrio dovuto a motivi di salute, le cure mediche urgenti e/o il ricovero ospedaliero d’urgenza. La copertura minima ammonta ad € 30.000.

Il cittadino straniero autotrasportatore titolare del visto per trasporto non è autorizzato a condurre veicoli immatricolati in Italia o in uno dei paesi dell’Unione Europea.

Ai sensi del Codice dei visti (Regolamento CE n. 810/2009 del 13.7.2009, entrato in vigore il 5.4.2010), i visti sono divisi in:

1.Visti Schengen Uniformi (VSU), validi per il territorio dell’insieme delle Parti contraenti, rilasciati per:

  • Transito Aeroportuale (tipo A);
  • Transito (tipo B): tipologia di visto abrogata dal Codice dei visti (Regolamento CE n. 810/2009 del 13.7.2009, in vigore dal 5.4.2010). Dal 5 aprile 2010 i visti per Transito sono di tipo C;
  • Soggiorni di breve durata, o di viaggio, (tipo C) fino a 90 giorni, con uno o più ingressi.

2.Visti a Validità Territoriale Limitata (VTL), validi soltanto per lo Stato Schengen la cui Rappresentanza abbia rilasciato il visto (o, in casi particolari, anche per altri Stati Schengen specificamente indicati), senza alcuna possibilità di accesso, neppure per il solo transito, al territorio degli altri Stati Schengen. Costituisce una deroga eccezionale al regime comune dei VSU, ammessa soltanto per motivi umanitari, di interesse nazionale o in forza di obblighi internazionali.
Non possono essere richiesti direttamente dallo straniero ma, in pochi particolari casi, rilasciati dalla Rappresentanza diplomatica o consolare quando pur non in presenza di tutte le condizioni prescritte per il rilascio del Visto Uniforme, questa ritenga opportuno concedere ugualmente un visto per i motivi descritti, ovvero in presenza di un documento di viaggio non riconosciuto valido, per particolari ragione d’urgenza, o in caso di necessità.

3.Visti per Soggiorni di Lunga Durata o “Nazionali” (VN), validi per soggiorni di oltre 90 giorni (tipo D), con uno o più ingressi, nel territorio dello Stato Schengen la cui Rappresentanza abbia rilasciato il visto. I titolari di Visto D possono circolare liberamente nei Paesi Schengen diversi da quello che ha rilasciato il visto, per un periodo non superiore a 90 giorni per semestre solo qualora il visto sia in corso di validità.

Il visto è rilasciato a seguito di domanda presentata personalmente dallo straniero maggiorenne o, nel caso di minori, da un maggiorenne con l’assenso di entrambi i genitori o degli esercenti la potestà genitoriale.

Nella domanda egli deve indicare le proprie generalità complete e quelle degli eventuali familiari al seguito, gli estremi del passaporto o di altro documento di viaggio equivalente, il luogo dove è diretto, il motivo e la durata del soggiorno.
Alla domanda, redatta su apposito modulo, vanno allegati:

  • Passaporto o altro documento di viaggio riconosciuto equivalente,
  • Documentazione necessaria per il tipo di visto richiesto e in ogni caso quella concernente le finalità del viaggio, i mezzi di trasporto utilizzati, i mezzi di sussistenza e le condizioni dell’alloggio (art. 5, comma 5 e 6, Reg. Att.)

Si consiglia di verificare sempre presso la Rappresentanza diplomatica la documentazione da esibire. Molto più spesso infatti, al fine di un maggior controllo, vengono richieste ulteriori documentazioni rispetto a quelle normalmente richieste.